Fightings in Bunyatenge: another victim

After a month Granma Mahomi dies


Giovanni Salvaggio - Alessandro Callari / ph: Elia Pegollo

Lubero - North Kivu (Democratic Republic of Congo)

05/11/2014

 

The attack carried out by the rebel group NDC Cheka in Bunyatenge last 17th September has caused another victim.

This happened one month later the fightings in the area of Muhanga/Bunyatenge which had led to the kidnapping of 64 people and caused violence over several civilians, rapes of womans and lootings of shops and houses in the area.

An old woman (pictured) died after a month of agony.

This victim has to be added to the 3 years old boy killed by a random bullet during the shootings between Cheka Ntabo Ntaberi and the MayiMayi militia loyal to self-proclaimed general Kakyle Sikuli Lafontaine.

The night of 16th September, in the attempt of reaching the village of Bingi to save as many children as she could, Granma Mahombi escaped into the bush with a group of kids. During the run she fell down and she broke her leg. She has been recovered at the Bingi Hostipal but after long and inadequate treatment she died.

Granma Mahombi was very well known in Bunyatenge and her attempt to save those kids is seen as an heroic act by the whole village.

The number of victims related to the fightings between Cheka rebels and MayiMayi Lafontaine in Bunyatenge/Muhanga (read "Shooting in Bunyatenge") rose to a total of 2 and that incident continues to spark terror among the whole area Suouth of Lubero.

Several civilians have still to go back to their houses and the school in Bunyatenge currently has just 160 pupils among the normal average of 800.

This all happens in the apparent indifference of NGOs, the belated intervention of FARDC, the strategical waiting of Lafontaine and the absolute silence of MONUSCO.

 

 

NGO

The only ones arrived in Muhanga/Bunyatenge (Save the Children and ICRC) have just visited the villages several days after the facts.

Both arrived between the 25th and the 26th of September, ICRC came back after a month, on the 23th of October.

Both organization has just collected data for internal reports.

 

FARDC

Fardc forces arrived in Bunytenge on the 6th October, twenty days after the fightings. They immediately invited all the civilians to go back to their house and tried to reassure the population broadcasting messages on the radio and organizing meetings with chiefs of villages.

They have been friendly with the civilians who are not complaining about their presence in the area. Fardc forces have managed to get along with Lafontaine's forces as well in order to establish a sort of temporary equilibrium.

 

MayiMayi Lafontaine

The General considers himself the only hero in this story and the one who managed to save 64 hostages while wiping away Cheka rebels from his own controlled zone. (readAll hostages are free).

Initially the arrival of the national regular forces caused a lot of tension between MayiMayi group and FARDC.

Lafontaine opposed the presence of FARDC in the area believing that some of the high officials operating in Beni and Oicha are trading weapons with Cheka rebels in exchange of logistic support in the battle against FDLR FOCA/RUDI.

Actually this is a quite old story. Many observers believes that there is a silent agreement between Fardc and Cheka rebels which might allow the Ntabo Ntaberi group to operate in the area with the assurance of a non-intervention approach from the regular forces.

Even though the weapons supply cannot be proved, the occasional cooperation of Cheka rebels with FARDC forces in the hunt of FDLR groups is confirmed.

Even Lafontaine in the past has played the role of Fardc's ally. For example in November 2008 he took part in a joint operation with also the Hutu Rwandan militia to stop the Tutsi CNDP rebels loyal to Laurent Nkunda in Kanyabayonga.

As it often happens the agreement between different parties depends on the odds at the stakes.

Leaving the General Lafontaine alone with all the financial support from some traders in Butembo, Beni and Bunia and with the freedom to run his own business in the mine in Bingi seems to someone a fair price to pay to keep the current unstable equilibrium.

As for the rumored coalition against Cheka rebels established by MayiMayi Lafontaine/VINO and FDLR FOCA/RUDI, it seems to be just a verbal agreement whithout any real enforcement so far. It is more likely an attempt to keep observers' attention high on this issue.

We are waiting for new developments to further understand the reason for this advertised coalition.

 

MONUSCO

Several aerial patrollings since the day of fightings but none real intervention. Monusco forces have landed in Bunyatenge for a couple of hours on the 1st October (15 days after the clashes); they asked some questions, never answered to people's requests, gathered some general info and left without ever coming back.

 

“Local civilians were waiting to be reassured by the presence of the UN contingent and maybe it would have been enough just a pat on the back and a staged smile, such those they have for the “picture of the day” on the UN's bulletin board. But none of this has been provided”

 

The Indian contingent of Peacekeepers made just a “courtesy” visit in Bunyatenge after several days of pressure by the civil society in Lubero and the insistent requests of local media.

It would be appreciated, by local civilians and international observers if the MONUSCO will answer some questions about the “non-intervention” in occasion of the Bunyatenge clashes on 16th-17th September.

  1. Why did they ignore the request for help made by civilians in Muhanga and Bunyatenge before, during and after the clashes? (One week earlier Monusco had been repeatedly informed about the presence of Cheka rebels coming from Luofu).

  2. The day after the fightings and the abduction, during an aerial patrolling, Monusco forces intercepted the Cheka group with their hostages few kilometers away from Bunyatenge. Why haven't they intervene?

  3. Why have they arrived in Bunyatenge just 15 days after the shootings?

     

Answering to these questions could be a significant sign for the civlians living in the area for different reasons.

First of all it would clarify the reason for the MONUSCO to be in the east of DRCongo and the extent of its mandate.

Secondly, now more the ever it is necessary to explain the MONUSCO's way of operating and its decision making process in order to regain credibility in front of civilians.

 

This is a critique moment, indeed, for the MONUSCO.

On one hand, allegedly the self-proclaimed rebel group ADF killed more than 100 people during the last month in the area of Beni close to an important MONUSCO base ( but we think the thesis of “mercenary MayiMayi” who are migrating from South Lubero to Beni is closer to the truth – read "High profile military operations against ADF will not rebuild local stability"  by Caroline Hellyer).

On the other hand the ultimatum for disarmament given to the FDLR by MONUSCO has been postponed repeatedly undermining the Peacekeepers' reliability.

 

Civil society is waiting for answers: clear and plausible.

We encourage an open confrontation and debate between the actors involved in order to win one of the worst consequences of conflicts:

indifference.

 

InkivuLubero/Wartoy 2014 

 

 

 

(ITA)

Scontri di Bunyatenge: un'altra vittima

Muore dopo un mese nonna Mahombi

Lubero - Nord Kivu (Repubblica Democratica del Congo)

05/11/2014

 

L'attacco del 17 settembre da parte dei ribelli NDC Cheka a Bunyatenge fa un'altra vittima ad un mese di distanza dagli scontri che hanno causato il rapimento di 64 persone, decine di persone violentate dalle milizie ribelli e il saccheggio di centinaia di attività commerciali ed abitazioni nella zona di Muhanga/Bunyatenge.

Dopo il bimbo di 3 anni morto per una pallottola vagante durante gli scontri tra i ribelli Cheka Ntabo Ntaberi e le milizie MayiMayi fedeli al generale auto-proclamato Kakule Sikuli Lafontaine, un'anziana donna (nella foto) è deceduta dopo un mese di agonia.

La notte del 16 settembre, nel tentativo di mettere in salvo il maggior numero di bambini dagli scontri, Nonna Mahombi insieme ad un gruppo di ragazzi ha cercato di raggiungere il villaggio di Bingi attraversando la foresta. Durante la fuga è caduta fratturandosi una gamba.

Ricoverata nell'ospedale di Bingi è deceduta dopo lunga degenza e a causa delle cure inadeguate ricevute nella struttura ospedaliera.

Nonna Mahombi era molto nota nel villaggio di Bunyatenge ed il suo tentativo di salvataggio è stato visto come un atto eroico da parte di tutti gli abitanti.

Salgono così a due le vittime degli scontri a Bunyatenge/Muhanga tra ribelli Cheka e MayiMayi Lafontaine (leggi "Shooting in Bunyatenge") che ancora gettano un ombra di panico in tutta la zona del Sud Lubero.

Molti abitanti della zona non sono ancora rientrati nelle loro case e la scuola di Bunyatenge conta solo 160 alunni frequentanti su un totale di oltre 800.

 

Tutto questo in un quadro di apparente indifferenza delle ONG, di tardivo intervento FARDC, di attesa strategica di Lafontaine e di totale silenzio MONUSCO.

 

 

ONG

le uniche arrivate a Muhanga/Bunyatenge (Save the Children e CICR) hanno fatto un paio di sopralluoghi dopo diversi giorni dagli scontri.

Entrambe sono arrivate a Bunyatenge tra il 25 e il 26 settembre, CICR è tornata dopo un mese (23 ottobre).

Entrambe hanno solo raccolto dati per report interni.

 

FARDC

Sono arrivati a Bunyatenge il 6 ottobre (20 giorni dopo gli scontri).

Da subito hanno invitato i civili a ritornare nelle loro case ed a non avere timore di nuove incursioni con diversi messaggi alla radio e con frequenti riunioni con gli abitanti del villaggio.

Sono molto cordiali e disponibili con la popolazione che non lamenta problemi di convivenza con le unità di istanza nella zona.

In questo momento hanno trovato un mimino equilibrio di coesistenza anche con i MayiMayi di Lafontaine.

 

MayiMayi Lafontaine

Il Generale si ritiene l'unico eroe e artefice del salvataggio dei 64 ostaggi e della cacciata dei Cheka dalla “sua” zona di pertinenza (leggi ”All hostages are free).

L'arrivo delle truppe governative ha creato inizialmente notevole tensione - poi andata gradatamente a sfumare - tra i MayiMayi e le FARDC.

Lafontaine rifiutava la presenza FARDC nella zona sostenendo che alcuni ufficiali che operano tra Beni ed Oicha fornirebbero armi ai Cheka in cambio di supporto logistico nella lotta ai ribelli FDLR FOCA/RUDI.

In realtà la notizia non è del tutto nuova, da più parti si ritiene che da tempo ci sia una sorta di tacito silenzio e soprattutto volontario non-intervento dell'esercito congolese per le incursioni del gruppo di ribelli Ntabo Ntaberi.

Se la fornitura di armi non può essere ancora provata, la saltuaria collaborazione dei Cheka nella caccia ai FDLR è sicuramente più visibile.

In passato anche Lafontaine ha giocato il ruolo di alleato militare delle FARDC (come ad esempio nel novembre del 2008 quando insieme a milizie ruandesi Hutu fermò a Kanyabayonga l'avanzata Tutsi del CNDP di Laurent Nkunda) e come spesso accade, l'eventuale accordo tra le parti dipende dalla posta messa in palio.

Lasciare il generale - finanziato anche da diversi commercianti Nande di Butembo, Beni e Bunia - indisturbato nei suoi affari della miniera di Bingi è sicuramente un ottimo viatico per mantenere questo precario equilibrio.

Per quanto riguarda la pubblicizzata coalizione anti-Cheka tra ribelli MayiMayi Lafontaine/VINO e FDLR FOCA/RUDI sembra ancora essere solo un accordo sulla carta o piuttosto un tentativo di mantenere alto il livello d'attenzione in vista di nuove trattative.

Si attendono sviluppi in merito per poter capire meglio la direzione e l'autenticità di questa coalizione.

 

MONUSCO

Decine di sorvoli aerei dal giorno dei combattimenti ma nessun intervento concreto.

Atterrano a Bunyatenge per un paio d'ore giorno 1 ottobre (15 giorni dopo gli scontri) fanno qualche domanda, non rispondono alle domande della gente e raccolgono dati in maniera apparentemente sommaria.

Vanno subito via e non tornano più.

 

"La popolazione colpita aveva bisogno di essere almeno rassicurata.

Anche con uno scenografico “non vi preoccupate, ora ci siamo noi” oppure un sorriso plastico da “photo of the day” per la bacheca delle Nazioni Unite.

Niente di tutto questo".

 

Il contingente Indiano di peacekeepers delle Nazioni Unite si è limitato ad una “visita di cortesia” a Bunyatenge solo dopo diversi giorni di pressione da parte della società civile di Lubero e di alcuni media.

La MONUSCO dovrebbe almeno rispondere a poche specifiche domande al fine di motivare il "non-intervento" nei fatti di Bunyatenge del 16-17 Settembre:

1) Perchè ha ignoranto le richieste di aiuto della popolazione di Muhanga e Bunyatenge prima, durante e dopo gli scontri? (già una settimana prima dei combattimenti era stata più volte avvertita dell'ingresso di ribelli Cheka nella zona provenienti da Luofu)

2) Un giorno dopo i combattimenti (18 settembre) la MONUSCO ha identificato con una ricognizione aerea la colonna di ribelli Cheka con gli ostaggi a qualche km da Bunyatenge. Perchè non è intervenuta?

3) Perchè sono arrivati a Bunyatenge solamente 15 giorni dopo i combattimenti?

 

Rispondere a queste domande significherebbe dare un segnale concreto alla popolazione per diversi motivi.

Innanzitutto perchè sono strettamente connesse al significato - leggi mandato - della MONUSCO nell'Est della Repubblica Democratica del Congo.

In secondo luogo perchè dopo essere stati assenti con i fatti è importante motivare la scelta del non-intervento con le parole per non prestare il fianco a critiche gratuite e poco informate.

Infine perchè ora più che mai - 120 morti in un mese nella zona di Beni da sedicenti ribelli ADF accanto ad una base MONUSCO importante (noi siamo per la tesi “mercenari MayiMayi di Caroline Hellyer, leggi "High profile military operations against ADF will not rebuild local stability" che da oltre un anno migrano anche dalla zona del Sud Lubero verso Beni) ed un ultimatum al disarmo FDLR continuamente rimandato per penuria di aderenti - occorre motivare bene le scelte fatte e soprattutto operare concretamente.

 

La società civile attende spiegazioni chiare e plausibili.

 

Invitiamo quindi le parti in causa ad un dibattito costruttivo nella speranza di vincere una delle conseguenze più devastanti che derivano da un conflitto a bassa intensità come quello in atto nella regione del Kivu:

l'indifferenza.

 

InkivuLubero/Wartoy 2014