Chef di Isale-Vulambo Giovanni Salvaggio Un commando armato uccide Aziza Patanguli Balikwisha

Un commando armato uccide Aziza Patanguli Balikwisha

Chef di Isale-Vulambo


Giovanni Salvaggio

Beni - Nord Kivu (Repubblica Democratica del Congo)

07/09/2016

 

.

Verso le 20.30 il gruppo di fuoco ha fatto irruzione nel villaggio di Isale inseguendo Aziza fino alla porta di casa dove è stato freddato con diversi colpi di fucile. 
Ancora sconosciuti gli esecutori ed il movente dell'omicidio.

Aziza Patanguli è primo cugino di Abdoul Kalemire III, capo (mwani) del raggruppamento di Bashu, di cui fa parte Isale-Vulambo.

Abdoul Kalemire III era presente durante l'omicidio del prete assunzionista Vincent Machozi, fondatore della rivista online benilubero.com e presidente della comunità Yira (Nande), avvenuto il 20 marzo 2016 a Bunyuka.
Un commando di una decina di uomini fece irruzione al "Mon Beau Village", luogo dove Abdoul Kalemire III e Machozi (su invito di Kalemire) stavano soggiornando per un incontro su temi riguardanti la pacificazione della zona di Beni.
Il gruppo armato entrò in azione subito dopo pranzo, mentre il Mwani stava riposando nella sua stanza e non era insieme a Machozi.
Dopo l'omicidio parte del gruppo è fuggito con la macchina di Abdoul Kalemire III abbandonandola poco dopo in un villaggio vicino.

Diverse fonti sostengono che Machozi poco prima di morire avesse finito di scrivere un report di oltre 1.000 pagine sulle stragi di Beni, dove menzionava ampiamente autori e mandanti delle incursioni armate nelle zone periferiche di Beni che dal 2014 hanno causato oltre 600 morti tra la popolazione civile.

Ad oggi non vi è nessuna traccia di questo report che si dice sia stato stampato in Kenya in pochissime copie ed era pronto per essere mandato alla Corte Penale Internazionale.

Si attendono ancora i risultati dell'indagine ufficiale sulla morte di Padre Machozi.