The Bunyatenge hostages G.Salvaggio-A.Callari ph M.Kisivirwa Where are the civilians abducted by NDC Cheka Rebels

Where are the civilians abducted by NDC Cheka Rebels

The Bunyatenge hostages


G.Salvaggio-A.Callari ph M.Kisivirwa

Lubero - North Kivu (Democratic Republic of Congo)

18/09/2014

 

During the last week, (read “Shooting in Bunyatenge”) rebels Cheka Ntabo Ntaberi, while in pursuit of an FDLR rebel group, moved from the Luofu area towards the villages of Muhanga and Bunyatenge, in the territory of Lubero, which are controlled by MayiMayi forces loyal to LaFontaine.

Cheka rebels found themselves into a crossed fire. On one side the MayiMayi of Lafontaine have tried to push the Cheka outside their controlled area. On the other side the FDLR rebels fought the Cheka back to stop their pursuit. After having been engaged in several shootings from the 15th to the 17th of Sept, Cheka rebels turned all their frustration on the civil population in the area.

In the morning of the 16th Sept Cheka forces gathered all the civilians in Bunyatenge and asked 2000 Fr to each adult man as “security tax” for the village. During the afternoon and the following night the situation degenerated into violence on the population and uncontrolled pillaging.

The next morning Cheka rebels fled into the bush taking with them more than 50 civilians kidnapped the night before during the looting. Most of them are women and children.

Shootings occurred in the Lubero area caused the tragic death of a three years old boy and unacceptable violence on around hundred families. 

 

The group of around 50 civilians kidnapped by Cheka rebels has been seen yesterday (17th Sept) close to Kasuo village. In a group of more the hundred people, the hostages were carrying the loot gathered by the rebels during the pillaging of Muhanga and Bunyatenge.

 

 

During a stop at the Masekeseke village, the Cheka have freed some women who were carrying the loots and those [LaFontaine’s MayiMayi, ed.] found the right moment to launch an attack.

They [NDC Cheka, ed.] run away in all the directions because they had finished all their ammunitions.

Many of us managed to escape and I don’t know how many others are still held hostage.” 

 

MONUSCO forces had been alerted on the situation on Monday 15th Sept but they decided just to fly over the villages for an aerial surveillance without any intervention on the ground.

During one of those aerial surveillances on the 17th Sept MONUSCO’s helicopters had located a huge group of rebels with their hostages along a footpath northern than Bunyatenge but even on this occasion no intervention has been carried out. 

Most locals believe that just one small group of UN Peacekeepers would have been enough to protect the village and to push away the ill-equipped and disorganized Cheka rebels.

MONUSCO was authorized to use all necessary means to carry out its mandate relating, among other things, to the protection of civilians, humanitarian personnel and human rights defenders under imminent threat of physical violence.

In Bunyatenge and Muhanga on the 16th and the 17th of September that mandate has been torn away in front of defenceless civilians by greedy rebels free to operate under the aerial surveillance of MONUSCO forces. 

 

Read more about the MONUSCO mandate in Democratic Republic of Congo.

 

ph: InkivuLubero/Wartoy 2014

 

 

(ITA)

Dove sono i civili rapiti dai ribelli NDC Cheka 

Gli ostaggi di Bunyatenge

Lubero - Nord Kivu (Repubblica Democratica del Congo)

 

Nell'ultima settimana (vedi "Scontri a Bunyatenge") I ribelli Cheka Ntabo Ntaberi sono arrivati dall'area di Luofu nella zona di Muhanga-Bunyatenge (Lubero) controllata dai ribelli Mayi Mayi di Lafontaine per dare la caccia ad un gruppo di ribelli FDLR presente nella zona.

I Cheka infastiditi dalle pressioni del gruppo di LaFontaine e dalla reazione dei FDLR - con cui hanno ingaggiato ripetuti scontri a fuoco tra il 15 e il 17 settembre - hanno sfogato la loro frustazione sugli abitanti della zona.

La mattina del 16 settembre hanno riunito gli abitanti di Bunyatenge e hanno chiesto una somma di 2000 fr per ogni uomo adulto, come tassa per la sicurezza del villaggio.

Tra il pomeriggio e la sera del 16 la situazione è degenerata in violenze sulla popolazione e saccheggi incontrollati.

La mattina del 17 i ribelli Cheka si sono mossi verso della foresta portando con se oltre 50 civili - molte donne e bambini - rastrellati nel raid di Bunyatenge.

Gli scontri nei due villaggi dell'area di Lubero hanno causato la morte di un bambino di tre anni e violenze su centinaia di famiglie.

 

Gli oltre 50 civili rapiti dai ribelli NDC Cheka sono stati avvistati ieri sera vicino Kasuo.

La colonna di oltre 100 persone trasporta il bottino che i Cheka hanno raccolto durante le razzie dei giorni scorsi tra Muhanga e Bunyatenge.

 

"Dopo un pò ci siamo resi conto che eravamo seguiti a distanza da quelli di LaFontaine. 

Durante una sosta al villaggio di Masekeseke, i Cheka hanno liberato alcune donne dal trasporto della refurtiva e quelli [Mayi Mayi di LaFontaine, ndr] hanno trovato il momento giusto per attaccare.

Loro [NDC Cheka, ndr] sono scappati in tutte le direzioni perchè avevano finito le munizioni.

Molti di noi sono riusciti a scappare, non so quanti sono rimasti ancora prigionieri".

 

La MONUSCO allertata da lunedì 15 settembre, ha deciso di non intervenire effettuando solo dei voli ricognitivi giorno 17 e 18 settembre.

In una delle ricoglizioni di giorno 17 settembre gli elicotteri della MONUSCO hanno individuato la colonna di ribelli con gli ostaggi mentre attraversavano un sentiero a nord di Bunyatenge, anche in questa occasione hanno deciso per il non-intervento.

In molti ritengono che sarebbe bastato da parte dei Caschi blu della MONUSCO presidiare il villaggio anche con una sola pattuglia per far allontanare i Cheka che erano con male armati e poco organizzati. 

Il mandato della MONUSCO prevede come primo punto, sopra ogni altra cosa, la protezione dei civili da ogni imminente minaccia di violenza fisica nei loro confronti.

 

A Bunyatenge e Muhanga giorno 16 e 17 settembre 2014 il mandato è stato strappato in faccia ai suoi abitanti da ribelli assetati di tutto e da una MONUSCO che si faceva i giri turistici in elicottero.

 

Leggi qui in mandato MONUSCO nella Repubblica Democratica del Congo

 

InkivuLubero/Wartoy 2014